Le origini di Conversano

Annunci di Lavoro

La Storia di Conversano

Le sue origini risalgono all'età del ferro e il primo nucleo abitativo che vi si insediò, costituito da popolazioni indigene, le diede il nome di Norba, ovvero città fortificata.

Nel III sec. a. C. la città fu occupata dai Romani, ma, una volta caduto l'Impero per mano delle invasioni barbariche, ne subì il declino.

Un nuovo nucleo fortificato si formò soltanto nell' Alto Medio Evo e prese il nome di Casale Cupersanem, che grazie a Goffredo d'Altavilla divenne un vero e proprio centro di potere esteso per buona parte della Puglia centro-meridionale, tra Bari e Brindisi e fino a Lecce e Nerito (Nardò).

Dove

Dopo la morte di Goffredo, la contea passò in eredità al primogenito Roberto ed in seguito al figlio Alessandro; con l'andare del tempo, però, essa passò di mano in mano tra diversi casati: dagli Altavilla ai Bassavilla. poi i Brienne, i d'Enghien, i Lussemburgo, che contribuirono all'ampliamento del castello, gli Orsini e gli Orsini del Balzo.

L'ultimo conte Orsini del Balzo, Giovanni Antonio, diede in dote la contea alla figlia Caterina, andata in sposa a Giulio Antonio Acquaviva d'Aragona, duca di Atri e conte di Teramo.

Conversano

Iniziava così nel 1455 il lungo possesso del feudo di Conversano da parte della casata degli Acuaviva che, salvo una parentesi di quattro anni, lo avrebbe detenuto ininterrottamente sino al decreto di abolizione della feudalità di Giuseppe Bonaparte nel 1806.

Notevoli furono le figure di alcuni conti di casa Acquaviva, fra cui quella di Giulio Antonio, valoroso guerriero al servizio degli Aragonesi, che si distinse nella guerra di Toscana(1478/1480), rimanendo vittima di un agguato turco.

Suo figlio Andrea Matteo, anch'egli uomo d'armi, ma soprattutto dotto umanista, partecipò alla congiura dei baroni del 1485 contro il re aragonese; si schierò contro gli Spagnoli nel conflitto che oppose Francia e Spagna fra la fine del Quattrocento e i primi del Cinquecento per il possesso del Regno di Napoli.

Celebre fu anche Giangirolamo II, detto il Guercio delle Puglie, che tenne la contea dal 1626 al 1665, distintosi per il suo dispotismo e per la sua crudeltà.

Egli accolse alla sua Corte il pittore napoletano Paolo Finoglio, autore a Conversano di importanti opere: dagli affreschi della camera degli sposi alle dieci tele che compongono il ciclo illustrante la "Gerusalemme Liberata" di Torquato Tasso. Mentre tornava a Conversano dopo i sedici anni di prigione scontati nelle carceri della Spagna, in seguito alle violenze compiute sulla città di Nardò, egli si ammalò di malaria e morì nel marzo del 1665.

Conversano

Dopo la morte del Guercio la contea di Conversano si avviò verso una lenta decadenza, accentuatasi da un'epidemia di peste che colpì la popolazione e indebolì l'economia locale.

Furono circa settanta i vescovi che tennero la cattedra conversanese; fu Stefano I ad iniziare, a partire dal 1266, la lotta tra i vescovi, gelosi del potere delle "Badesse" insediate nel Monastero di San Benedetto che costituiva un potere eccezionale in Italia, simile solo ad altri rari casi nel mondo cristiano.

Il potere della Chiesa fu allentato dal graduale affermarsi della borghesia cittadina la quale si frapponeva tra il partito dei cosiddetti "galantuomini" e quello dei "cafoni", ossia della povera gente.

Fra la fine dell'Ottocento ed il primo ventennio del Novecento la lotta politica e sociale si intensificò al punto da provocare l'assasinio dell'onorevole Giuseppe di Vagno nel 1921.

Anche gli anni del dopoguerra furono caratterizzati da continue lotte sociali ad opera soprattutto della popolazione contadina, le cui condizioni furono decisamente migliorate per opera del sindacato che riuscì a garantire ai lavoratori, ai disoccupati, ai bisognosi e ai pensionati una migliore condizione di vita.

Navigare Facile
  • barieprovincia.it - La provincia di Bari nel dettaglio; informazioni utili, cartine, attività commerciali e tanto altro completamente dedicato a tutti i Comuni in Provincia di Bari
  • lepuglie.it - Tutte le notizie e le ultime novità sulla regione Puglia. Tante informazioni utili su tutte le sue province e i suoi comuni, dati anagrafici e attivitè commerciali.
  • triggiano.it - Il portale di Triggiano con la sua storia e tante informazioni utili per visitarla. Guida turistica e informazioni geografiche climatiche e sul territorio.
  • infopuglia.it - INFO PUGLIA .IT - Il Portale dedicato alla Puglia e, più nello specifico, alla splendida Valle d'Itria, zona collinare dal paesaggio mozzafiato tra Trulli e natura rigogliosa. Alberobello e Locorotondo due paesi di particolare interesse turistico.
  • lepuglie.com - Portale di riferimento sulla regione della Puglia. Tutto sulle Province e i Comuni Pugliesi con informazioni utili, mappe, attività commerciali e moltissimo altro.

 

Siti Dove Compro Passatempi Food Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio